Cara Democratica, Caro Democratico,

25 Aprile. Una data che è parte essenziale della nostra storia: è anche per questo che oggi possiamo sentirci liberi ed una certa Resistenza non è mai finita.
Il 25 aprile è infatti una data fondamentale per tutta l’Italia e per il popolo italiano, una celebrazione per ricordare la storia sanguinosa della Seconda Guerra Mondiale, le mai sopite e ricomposte divisioni interne al Paese e soprattutto la lotta per la democrazia da parte del variegato esercito partigiano. Si tratta infatti della Festa della Liberazione dalla dittatura nazifascista, anniversario di quel 25 aprile 1945 in cui il Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia diede il via all’insurrezione in tutti i territori ancora occupati dalle forze nazifasciste, di fatto dando l’ordine a tutte i nuclei partigiani del Nord Italia di portare l’attacco decisivo contro i presidi tedeschi e fascisti. L’obiettivo, raggiunto, fu quello della resa delle milizie avversarie. Noi del Partito Democratico da sempre ci battiamo per la libera espressione e la libera opinione due valori concquistati proprio in questo giorno importante, oltre ai consueti auguri di Buon 25 Aprile vorrei chiudere con una magnifica frase di Sandro Pertini: E’ meglio la peggiore delle democrazie della migliore di tutte le dittature.

Massimiliano Sonetti, Segretario Provinciale PD Pisa

CONDIVIDI